I maestri aprono l'uscio, ma devi entrare da solo (Proverbio cinese)

“Non credere in qualcosa semplicemente perché l’hai sentito. Non credere in qualsiasi cosa semplicemente perché se ne parla da parte di molti. Non credere in qualsiasi cosa semplicemente perché si trova scritto nei tuoi libri religiosi. Non credere in qualsiasi cosa soltanto per l’autorità dei tuoi insegnanti e degli anziani. Non credere nelle tradizioni perché sono state tramandate per molte generazioni. Ma dopo l’osservazione e l’analisi, quando scopri che qualcosa è d’accordo con la ragione e favorisce il bene e beneficio di tutti, allora accettala e vivi su di essa.“

Buddha

 2013-07-26

Felice di accogliervi.

Questo sito nasce dall'esperienza acquisita negli anni, dopo diversi corsi di formazione. In queste pagine tratto argomenti il cui fine e' il cambiamento, il nostro cambiamento. Se non siete pronti o non interessati, non vi consiglio di proseguire la lettura non e' questo il vostro sito. Se invece pensate che e' possibile cambiare, per noi stessi e per gli altri, allora possiamo insieme essere il cambiamento.

  

Mi auguro  sia una piacevole lettura

 

Buona vita.

Cristina

La differenza tra un religioso e uno spirituale è che il primo crede nell'inferno, il secondo c'è già stato. Un religioso crede di essere nato nel peccato come essere impuro e imperfetto e che debba essere redento e quindi salvato, uno spirituale sà di essere nato assolutamente puro e perfetto e che deve solo ritrovare quella perfezione dimenticata e sepolta in lui.

(James Twyman)